L’intervista a Lisa Brondi: Agente AY203 è il suo esordio letterario

L’intervista a Lisa Brondi: Agente AY203 è il suo esordio letterario

Lisa Brondi, carrarina, è l’autrice emergente del thriller  Agente AY203 (EBS Print, 2022), una storia che intreccia elementi d’azione e romantici.

Conosciamola insieme.

Come è nata l’idea alla base del tuo libro?

Agente AY203 è il mio primo romanzo, avrebbe dovuto essere un racconto breve scritto in un pomeriggio piovoso ma poi ha preso decisamente una strada diversa! Una volta terminato, ho deciso di auto-pubblicarlo e adesso sto pensando a un seguito.

Quanto c’è di te e delle tue esperienze personali nei personaggi e nelle vicende dei tuoi libri?

I miei personaggi e i ruoli che ricoprono sono, naturalmente, frutto della mia fantasia: tuttavia devo ammettere di essere partita da una “base sicura” perché, in ognuno di loro, ho inserito caratteristiche di persone che, a vario titolo e non per forza positivamente, mi sono vicine.

Qual è il tuo rapporto con i tuoi lettori?

Mi piacerebbe molto scambiare opinioni e riflessioni con loro, e cerco di farlo con tutti quelli che mi contattano dopo aver letto il libro: creare un rapporto, anche a distanza, è possibile!

Quando e perché hai deciso di diventare una scrittrice?

Non ho né scelto, né deciso: è stata la mia stessa natura a portarmi a raccontare: credo che la passione per la narrativa, da sempre condivisa nella mia famiglia, sia stata il motore di tutto.

Lisa Brondi

A quali libri o autori senti di poterti ispirare?

 Sono cresciuta con i romanzi di Patricia Cornwell, ho  amato alla follia Giorgio Faletti che ha segnato il mio modo di dare un volto al “male” e l’enigmatica Elena Ferrante: da lei ho imparato a dare spazio alle riflessioni e a far parlare i personaggi per mezzo delle loro stesse azioni.

È facile conciliare l’attività di scrittrice con la vita di tutti i giorni?

Per niente! Il lavoro e gli impegni assorbono la quasi totalità del mio tempo: vorrei averne molto di più, ma riesco a ritagliarne davvero poco per la scrittura e questo mi mette sempre di pessimo umore.

Come ti descriveresti, come lettrice?

Curiosa, esigente e… affamata! Ho sempre letto moltissimo: a parte gli immancabili classici della letteratura italiana e straniera, i miei libri “relax” sono preferibilmente di genere giallo.

Hai scelto di auto-pubblicare il tuo libro? Perché questa scelta?

Ritengo che l’auto-pubblicazione abbia molti  i vantaggi,  primo fra tutti la possibilità di farsi conoscere, in autonomia, dal pubblico, nonostante gli inevitabili problemi di logistica e distribuzione; certo, se si sceglie questa strada, va da sé che sia tu a dover seguire le vendite e la promozione, sfruttando la visibilità resa possibile dalle attuali tecnologie.

Quindi, come valuti l’influenza e l’importanza delle reti sociali e della tecnologia per uno scrittore indipendente o comunque che pubblica al di fuori dei colossi dell’editoria?

L’apporto delle nuove tecnologie è fondamentale ma rimane comunque difficile farsi conoscere, essendo le auto-pubblicazioni prive di quel senso di “garanzia di bontà” che fa sì che tutto ciò che esce dai grandi Editori sia automaticamente un ottimo prodotto.

Be the first to comment on "L’intervista a Lisa Brondi: Agente AY203 è il suo esordio letterario"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: