FERÍTA. Giovanna D’Arco, anno 1971- Sergej Roic

FERÍTA. Giovanna D’Arco, anno 1971, di Sergej Roic

Oggi abbiamo scelto per voi Feríta – Giovanna d’Arco, Anno 1971  (Mimesis, 2022) il nuovo romanzo di Sergej Roic ambientato in un 1971 nel quale, in Francia, il generale De Gaulle è stato rimpiazzato da un governo di sinistra ispirato alle idee filosofiche dei movimenti del Sessantotto: un regista russo, dissidente e rifugiato, sta girando un film su Giovanna D’Arco mirando a presentarlo al Festival di Cannes e accetta di collaborare con una delegazione Sovietica per rendere il film una sorta di metafora sulla storia della Francia e dell’Europa; sul set, però, accade qualcosa di imprevisto…

L’idea di immaginare un mondo diverso per il rovesciamento dei risultati del processo storico che ha generato il nostro presente è alla base di questo romanzo a metà tra l’analisi storica e la riflessione filosofica, costruito come la sceneggiatura di un film degli anni Sessanta e ricca di citazioni cinefile che sicuramente piaceranno agli appassionati di cinema, che non potranno non riconoscere gli omaggi che l’autore tributa ai grandi maestri del cinema impegnato, primo tra tutti Andrej Tarkovskij.

Be the first to comment on "FERÍTA. Giovanna D’Arco, anno 1971- Sergej Roic"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: